domenica 5 giugno 2011

maxelà

si scrive maxelà, ma si pronuncia majelà: in genovese significa macellaio. le origini di questa catena di ristoranti dedicati alla carne è infatti ligure e le influenze non si limitano al nome, ma riguardano anche il menù, almeno quello del ristorante di rimini.
questa volta siamo in tanti e questo ci dà la possibilità di assaggiare un certo numero di piatti. 
per cominciare tre taglieri di pancetta e tre focacce di recco con formaggio; poi ognuno ordina per sé e si dà inizio a un walzer di piatti per gli assaggi!
personalmente ho condiviso un buon carpaccio -sale, olio e limone;
mi sono fatta coraggio e ho dato un morso a una frittellina di cervella, ma non mi sono spinta fino ad assaggiare il rognone o il fegato.
la mia grigliata mista mi ha occupata a tal punto da farmi resistere alla tentazione di addentare la fiorentina dei miei vicini! buona la tagliata e l'hamburger con la scamorza affumicata, mi rimane qualche perplessità sul "reale", cioè una fettina molto bassa che proviene dal collo.
più che dignitoso il vino rosso della casa.
buoni anche i dolci: canestrini di frolla, biancomangiare e latte fritto -quest'ultimo a dire la verità sapeva vagamente di carne... forse è stato fritto nello stesso olio delle "orecchie di elefante"?
una note infine sul locale: la prima cosa che ci accoglie è il banco del macellaio, poi tavoli di legno e marmo apparecchiati in modo sobrio con un canovaccio per tovagliolo, una lavagna con disegnati i tagli che si ricavano dalla scottona!

viale ortigara, 53/A  
054126349 
coperti: 10
euro 360,00
provato il 22/05/2011
voto :))