giovedì 29 settembre 2011

un post per... alice - cheesecake al forno

provata :))

dopo aver consultato vari ricettari e provato le relative ricette, a forza di modificare e sperimentare  ho trovato la mia ricetta ideale per la cheesecake.

per la base
250 g digestive normali o al cioccolato
125 g di burro
50 g di zucchero

per la farcitura
400 g di robiola
250 g di panna
150 g di zucchero
2 uova intere

sbriciola i biscotti, aggiungi il burro ammorbidito e lo zucchero e amalgama bene il tutto. con un cucchiaio stendi il composto sul fondo di una teglia (diametro 26) ricoperta di carta da forno, compattalo e livellalo. mettilo in frigo mentre prepari la farcitura.
sbatti le uova intere con lo zucchero, aggiungi la panna e la robiola facendo attenzione a eliminare gli eventuali grumi. versa la farcitura sulla base di biscotto e inforna a 180° per circa 50'.
nella mia versione ideale sono escluse le varie coperture di panna acida, marmellata e affini!

domenica 25 settembre 2011

sfogliata di pomodori ripieni

provata :)) 

una ricetta semplice, sfiziosa e molto facile 
250 g di pasta sfoglia 
8 pomodori lunghi 
200 g di taleggio 
1 cuc di parmigiano grattugiato 
1 cuc di pecorino grattugiato 
pesto qb 

lava i pomodori, incidi superficialemnte la buccia e cuocili per un minuto in acqua bollente salata. 
scolali, falli raffreddare e spellali. 
tagliali a metà, elimina i semi e lasciali capovolti per almeno un quarto d'ora su un foglio di carta assorbente.
in una ciotola amalgama i formaggi. la ricetta originale prevede il quartirolo, ora: in romagna il quartirolo non va per la maggiore e poi mi dicono essere un formaggio non proprio saporito, per cui l'ho sostituito con qualcosa che ero sicura mi piacesse: il taleggio! comunque scegli i formaggi che ti piacciono di più, mescolali insieme fino ad amalgamarli, condiscili con sale, olio, pepe - e origano se ti piace - e se non lo ritieni superfluo - dipende molto da tipo di formaggio che usi. 
riempi i pomodori con il composto di formaggi. 
fodera con la pasta sfoglia una teglia, bucherellala con la forchetta in più punti e poi spennellala con il pesto.
disponi sul pesto i pomodori con la farcitura rivolta verso il basso fino ad occupare tutta la superficie. inforna a 200° per 30 minuti.

tratta - con alcune modifiche - da sale e pepe, agosto 2011

domenica 18 settembre 2011

la locanda

sono sempre meno i ristoranti "specializzati" e anche qui si può scegliere tra carne e pesce.
propendiamo per la carne, anche se tutti gli altri tavoli mangiano pesce...
culatello di zibello con pane abbrustolito e burro e una tavolozza "la locanda" composta da squacquerone e pecorino, coppa, crudo, pancetta e salame e accompagnato da erbazzone, gnocco fritto e tigelle a rappresentare l'emilia - l'idea è buona, ma i salumi e i formaggi sono piuttosto "dozzinali" come dice marco. effettivamente l'insieme non è un gran che: sia il culatello che il prosciutto sono secchi e non vi sono prodotti particolari. personalmente salvo lo gnocco, fritto molto bene, per niente unto e molto piacevole.
proseguiamo con i secondi:
coniglio con patate al forno - il letto di rucola manda in bestia marco... e poi è francamente molto secco;
costole di agnello arrosto - buone
tagliata di angus con sale grosso e rosmarino, sempre con patate - cotta bene e buona, anche se forse non proprio saporita.
saltiamo i dolci e i ragazzi si bevono un amaro.
da tenere in conto per capire il rapporto qualità prezzo, oltre all'acqua, una bottiglia di terre di covignano, sangiovese superiore riserva san valentino del 2007 che con i suoi 28 euro fa sballare un po' il conto... però è buono!!!
gentile e disponibile il personale.

via marecchiese, 362 - spadarolo
0541728299
coperti 3
euro 98,00
provato il 17/08/2011
voto :I tendente al :(

mercoledì 14 settembre 2011

vi è mai capitato?

vi è mai capitato di prenotare in un ristorante, mettervi in macchina per raggiungerlo e scopreire solo una volta arrivati che non siete dove credevate di essere? bhe, a noi è successo anche questo! tutta colpa di un gambero...
abbiamo diligentemente prenotato al gambero rozzo, siamo andati a prendere i miei, "litigato" per tutto il percorso sulla collocazione del ristorante - cattolica, no misano, no cattolica... - senza avere il minimo sospetto del fatto che stavamo parlando di due locali diversi per poi ritrovarci seduti a un tavolo del gambero sbronzo...
prossimamente le recensioni di entrambi i locali!

domenica 11 settembre 2011

ristorante belvedere (rigoni)

tovaglie di carta e servizio classico dei ristoranti alla buona.
siamo qui per un pranzo di famiglia, si prende cura di noi gabriella, cameriera bionda e carismatica settantenne!
antipasti per 5: piada strutto e bicarbonato, affettati misti - prosciutto, coppa, salame, pancetta, testa... - formaggi - con marmellata di albicocca più adatta alla colazione che ai formaggi! - e un piattino di carote, fagiolini, fagioli di spagna e asparagi selvatici sott'olio.
primi per tutti: cappelletti in brodo con ripeno di carne - anche d'estate un buon brodo ci sta sempre bene, se poi fuori ci sono 13 gradi... e questi cappelletti sono buoni! - e tagliatelle al ragù - la sfoglia è troppo spessa e nel ragù l'acidità del pomodo si sente troppo, più della carne...
secondi a scelta di gabriella: stinco, faraona, coniglio, galletto e tagliata con contorno di gratinati e erbe -, la sensazione è che prima di arrivare a noi questa carne sia stata riscaldata più volte.
infine i dolci, una selezione: una torta non meglio identificata, una ciambella, la stessa ciambella di prima con la marmellata di albicocche di cui sopra! parola di gabriella: "per buttarli giù ci vuole l'albana!"
ma non abbiamo il cuore e soprattutto le parole per commentare l'albana... né il vino rosso che ha accompagnato il pasto!
5 bottiglie d'acqua e 6 caffè completano il pranzo.
passiamo alle note positive: due sono le cose degne di nota, i prezzi e soprattutto il bellissimo paesaggio che si vede da qui!

via selbrano, 11 - san giovanni in galilea FC
0541939175
coperti 7
euro 119,00
provato il 24/07/2011
voto :(

domenica 4 settembre 2011

oro rosso

l'oro rosso è lo zafferano di navelli, uno dei prodotti tipici aquilani che questo ristorante - un franchising appena aperto nel nuovo centro residenziale "la prua" alla darsena di rimini - vuole far conoscere in giro per l'italia; ma ororosso - questa volta tutto attaccato -  è anche il progetto di valorizzazione delle eccellenze del territorio abruzzese che è alla base della filosofia del ristorante.
noi lo proviamo un po' per caso a cena. il menù propone carne - tra cui naturalmente gli arosticini - e pizza. tra gli ingredienti primeggiano il tartufo, lo zafferano, ma anche le lenticchie e i ceci rossi.
ordiniamo un tagliere di oro rosso da cui spizzichiamo tutti - oltre agli affettati, ci offrono un pecorino di calascio, un altro formaggio con grani di pepe, verdure grigliate e due zuppe con crostoni di pane, una di lenticchie e una di fagioli e ceci.
proseguiamo con una porzione di arosticini - dieci pezzi, serviti su pezzi di fornarina, ma senza un contorno - e tre pizze: una castel del monte - mozzarella pecorino stagionato salsiccia e tartufo; una salsiccia e cipolla - peccato che la cipolla non fosse di tropea come indicato sul menù; una fior di latte - mozzarella di bufala, ricotta fresca, scaglie di grana e pendolini.
gli arosticini erano cotti bene e buoni, ma soprattutto le pizze sono state una piacevole sorpresa: ben condite, con un impasto croccante e leggerissimo... forse per una volta le 48/72 ore di lievitazione promesse sul menù sono reali!!!
w la cucina aquilana!

via ortigara, 51
054129492
coperti 4 
euro 65,70
provato il 25/07/2011
voto :))