domenica 29 gennaio 2012

una prova d’amore - pasticcio di maccheroni


Questo è il piatto più rappresentativo e particolare della cucina del lato paterno della mia famiglia. Viene preparato una volta all’anno, in occasione del compleanno di mio nonno (che il 18 ha compiuto 94 anni).
Per il suo sapore così insolito - abbina il dolce della pasta frolla al salato del sugo di carne – è considerato una vera e propria prova d’amore per tutti coloro che entrano a far parte della famiglia. Basti dire che mio zio, nonostante 22 anni di matrimonio, si ostina a farsi mettere da parte un tegamino di maccheroni al sugo…


Dal quaderno di ricette di mia nonna (dosi per 5 persone):
Prepara una pasta frolla con
250 g di farina
110 g di zucchero
125 g tra burro e strutto, o solo burro
un uovo e un tuorlo
odore di limone
quindi lascia riposare.

Cuoci in acqua salata ½ kg di maccheroni, tienili un po’ al dente, scolali, quindi condisci con abbondante 


besciamella
parmigiano
burro
sugo di carne preparato in precedenza.


 
Ponili a forma di piramide in una teglia a bordo basso.




Stendi la pasta frolla sulla piramide di maccheroni, poi rifinisci con una striscetta di pasta i bordi e decora con due strisce trasversali.










Inforna per almeno 45 minuti a 180°.


domenica 1 gennaio 2012

osteria dei frati

finalmente la famiglia brancaleoni, dopo qualche anno di pausa, ha ripreso in mano il suo ristorante!
sempre accogliente il locale, merita una visita per il pranzo della domanica.
non consultiamo il menu, ma ci facciamo elencare da renato i piatti del giorno.
cominciamo con un antipasto misto, già impiattato, che prevede un tortino caldo di cavolo e formaggio, patate arrosto avvolte nel lardo e una cantarella - una crepes di acqua e farina ideale per assaggiare l'olio - con l'olio nuovo. a parte ci facciamo portare qualche fetta di crudo tagliato a mano con la piada. non c'è che dire, un ottimo inizio!
ci differenziamo per il proseguimento:
passatelli in brodo e tortelli burro e salvia,
ma anche una porzione di coniglio al tegame servito nel coccio e una di stracotto al sangiovese con polenta.
siamo tutti soddisfatti delle nostre portate, anche se non possiamo ignorare il profumo che arriva da un semplice piatto di tagliatelline al burro su cui è stato appena affettato del tartufo...
per finire non può mancare almeno un assaggio dalla selezionatissima scelta di formaggi:
un pecorino pepe e menta - molto buono e piacevole
una sorta di taleggio valdostano di latte vaccino - dal forte, ma gradevole sapore di stalla
soprendente un esperimento, ormai collaudato, di renato: un formaggio di latte vaccino alla birra: eccezionale!
per chi se la sente di continuare si procede con l'assaggio dei gorgonzola, per il fossa siamo, purtroppo, in anticipo!
niente dolci o caffè.
acqua e una bottiglia di sangiovese superiore tenuta volpe per il conto.


via comandini, 149
47020 roncofreddo
0541949649
coperti 4
euro 100,00
provato il 30/10/2011
voto :))