martedì 26 febbraio 2013

andarmangiando su rimininetradio.it - TRIESTE

ascolta andarmangiando su rimininetradio.it
ascoltaci ogni lunedì-mercoledì-venerdì e sabato alle12.30
oggi andarmangiando ti porta a TRIESTE



TRIESTE

prova e commenta le ricette che proponiamo durante la trasmissione

*patate in tecia ossia in tegame
700-800 gr di patate a pasta gialla
una cipolla
olio, sale, pepe
a piacere, pancetta o guanciale 


Si lessano le patate in acqua bollente salata. A parte, in una padella, si fa soffriggere nell’olio la cipolla a fettine sottili, fino a farla imbiondire, unendo eventualmente la pancetta (noi consigliamo dimetterla!!!). 
Poi si uniscono le patate schiacciate grossolanamente con una forchetta, distribuendole uniformemente nella padella, si sala e si pepa e si cuoce il tutto fino a quando le patate non avranno formato una bella crosticina dorata, rimestandole di tanto in tanto per consentire una “bruciacchiatura” uniforme. 


*jota ossia minestra di fagioli, crauti e patate
500 g di crauti acidi
200 g di fagioli
4 patate
2 foglie di alloro
cumino
4 spicchi di aglio
sale, pepe, olio
farina


La sera prima mettere i fagioli a bagno in acqua fredda.
In una pentola far scaldare l’olio e far rosolare 2 spicchi di aglio schiacciati fino a portarli a doratura. Quindi eliminare l’aglio. Aggiungere i crauti e coprirli a raso con acqua. Aggiungere un pizzico di cumino, sale e pepe. Far consumare a fuoco lento per circa 1/2 ora.
In un’altra pentola cucinare i fagioli, lavati e scolati, con il brodo vegetale e 2 foglie di alloro, a fuoco lento per 1 ora e 15 minuti.
Tagliare le patate a pezzetti, aggiungerle al brodo e fagioli, e proseguire la cottura per 15 minuti.
Togliere dal fuoco e passare fagioli e patate fino ad ottenere una purea omogenea.
Aggiungere la purea così ottenuta ai crauti preparati in precedenza.
A parte, in un piccolo pentolino, soffriggere i rimanenti spicchi di aglio schiacciati in 1 – 2 cucchiai di olio. Eliminarli una volta dorati.
Stemperare nell’olio la farina mescolando attentamente per evitare la formazione di grumi.
A tostatura avvenuta aggiungere la farina alla minestra.
Aggiungere di sale e pepe e servire calda accompagnata da crostini di pane.

ma come sempre, se non hai voglia di cucinare, ecco un'idea: buffet da pepi, un'istituzione

quali sono, secondo te, le cose da fare e quelle da non fare a trieste? 
lascia un commento qui sotto