giovedì 26 giugno 2014

Fuori piove e io faccio i cappelletti!

Rimini come Venezia
Almeno per un giorno all'anno, solitamente a giugno, sembra ormai destino che Rimini faccia concorrenza a Venezia e le sue strade - case, negozi, uffici - si allaghino...

Dopo aver raccolto due secchiate d'acqua dal pavimento del mio ufficio, sono tornata a casa cercando di trovare il lato positivo di una giornata del genere... e l'ho trovato: fuori piove? e io faccio i cappelletti con il formaggio di fossa di Luvirie!

Luvierie ha lasciato stagionare, per quasi due anni, nelle fosse Venturi di Sogliano al Rubicone le sue forme di pecorino che ora sono pronte per essere mangiate :)

Io ho pensato di usarlo, assieme alla ricotta, per il ripieno di minuscoli cappelletti da mangiare, con burro e parmigiano reggiano, questa sera.

Per la sfoglia:
farina di semola rimacinata
farina di grano tenero
uova un pizzico di sale
acqua tiepida all'occorrenza

 Per il ripieno:
formaggio di fossa
ricotta

 Per la sfoglia ho usato la ricetta di Paoletta: un etto di farina ogni uovo, due terzi di farina di grano e un terzo di farina di semola. Io ne ho fatte solo due uova perché va bene che fuori piove, ma è pur sempre estate!
Sulla spianatoia ho versato la farina, formato un vulcano e versato nel cratere le uova e il sale e ho cominciato a impastare.
Ho lavorato la pasta fino ad ottenere un impasto liscio, poi l'ho avvolto nella pellicola e lasciato riposare per un'ora.
Impasto pronto da stendere
Nel frattempo ho grattugiato grossolanamente il formaggio di fossa e l'ho amalgamato alla ricotta. Non ho salato il composto perché il formaggio di fossa ha un sapore deciso e saporito già di per sé, ma volendo si può aggiungere sale, pepe e noce moscata. Non vi preoccupate se sbagliate in eccesso le quantità del ripieno: si può usare per fare dei crostini o per condire degli gnocchi!

Formaggio di fossa
Infine ho steso la sfoglia cercando di farla uniformemente sottile e ho ricavato dei piccoli dischi aiutandomi con il tagliapasta che solitamente si usa per fare i 'bottoni' - pasta ripiena ricavata ritagliano dei dischi da due sfoglie sovrapposte con il ripieno in mezzo.
Con un cucchiaino ho posto al centro di ogni disco un po' di ripieno e poi li ho chiusi prima a mezzaluna e poi su se stessi formando un piccolissimo cappello... e questa sera ce li mangiamo!

Cappelletti al formaggio di fossa