sabato 1 novembre 2014

AndarViaggiando
Da Rimini verso Est
Reportage di viaggio di Paoletta - XXIX parte

Si riparte, di nuovo le valigie, di nuovo il check out, caricare la macchina...

Si riparte, di nuovo le valigie, di nuovo il check out, caricare la macchina, la parte più noiosa di questo viaggio, proprio nel momento in cui uno ha solo voglia di andare, quando l'adrenalina si rifà sentire perché il viaggio continua e sei già con la testa al posto nuovo.


La meta è Ioannina, stasera abbiamo appuntamento con Hristos e Katerina, è bello rivedere persone che, anche se hai incontrato solo una volta, ti sono rimaste care, mi ricordo quanto è stata bella la serata di un anno fa e senza crearsi troppe aspettative, è sempre un piacere e una voglia grande riincontrarsi. 





Prima però ci vogliamo fermare a Metsovo, un paesino in mezzo alle montagne imbiancate, rinomato per il suo formaggio. Le case sono tutte in legno e pietra, ci fermiamo in un ristorante, cercavo un caminetto accesso e l'ho trovato subito. Ordiniamo formaggio giallo di Metsovo fresco e fritto, horta, una sorta di cicoria e agnello allo spiedo, il tutto accompagnato con un buonissimo vino rosso della casa. 
Come succede spesso, anche qui mi fermerei, addormentandomi vicino al camino scoppiettante. 





Quando usciamo ci infiliamo subito in un bar a prendere un caffè, è troppo freddo, anche questo paesino meriterebbe più tempo, più giorni, ma è il brutto di questo tipo di viaggio un po' troppo itinerante, ogni tanto è difficile prendere i propri ritmi, avere la possibilità anche solo di guardarsi intorno con calma. 
Siamo andati a visitare la chiesa, dentro è molto buia fatta tutta in legno scuro, finemente intagliato, non si possono fare foto e comunque non renderebbe, ne approfittiamo per accendere quelle che probabilmente saranno le ultime due candeline di questo viaggio. 





Abbiamo prenotato un albergo a Perama, a quattro chilometri da Ioannina, i prezzi sono quasi la metà, quando si può si cerca di risparmiare... 
Facciamo un po' fatica ad individuarlo, quando arriviamo ci facciamo una doccia e poi, corriamo subito verso il bar di Hristos. 
Da qui in poi mi perdo, mi godo solo la serata con loro, la musica, lo tsipouro, le meze e il calore dell'amicizia, kalì nicta, domani si riparte e io mi godo l'ultima sera, con il cuore e gli occhi pieni...